IMG_20180113_083957.jpg

Gennaio 2018

Poznan, piazza del mercato

Annunci

Into my arms – Nic Cave & The Bad Seeds

I don’t believe in an interventionist God
But I know, darling, that you do
But if I did I would kneel down and ask Him
Not to intervene when it came to you
Not to touch a hair on your head
To leave you as you are
And if He felt He had to direct you
Then direct you into my arms

Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms

And I don’t believe in the existence of angels
But looking at you I wonder if that’s true
But if I did I would summon them together
And ask them to watch over you
To each burn a candle for you
To make bright and clear your path
And to walk, like Christ, in grace and love
And guide you into my arms

Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms

But I believe in love
And I know that you do too
And I believe in some kind of path
That we can walk down, me and you
So keep your candles burning
And make her journey bright and pure
That she will keep returning
Always and evermore

Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms, O Lord
Into my arms

 

Non so che poeta io sia stato in tutti questi anni. Ma so di essere stato un uomo: perché ho molto amato, ho molto sofferto, ho anche errato cercando di riparare al mio errore, come potevo, e non ho odiato mai.

Proprio quello che un uomo deve fare: amare molto, anche errare, molto soffrire, e non odiare mai.

Giuseppe Ungaretti

 

wpid-giuseppe-ungaretti

DSC_0079

Cracovia – Ghetto Ebraico

4 Marzo 2018

Datemi retta qualcosa si può fare – Isabel Losada

Consigliato a…

  • chi vuole sapere di più sul Tibet;
  • chi vuole sapere come creare una associazione benefica;
  • chi sente il bisogno di migliorarsi;
  • chi ha vissuto a Battersea Park Road e sente la mancanza del parco con la sua bellissima Pagoda della pace.

DSC_0263.JPG

La canzone dei vecchi amanti (La chanson des vieux amants) – Franco Battiato

Certo ci fu qualche tempesta
anni d’amore alla follia.
Mille volte tu dicesti basta

mille volte io me ne andai via.
Ed ogni mobile ricorda
in questa stanza senza culla
i lampi dei vecchi contrasti
non c’era più una cosa giusta
avevi perso il tuo calore
ed io la febbre di conquista.
Mio amore mio dolce meraviglioso amore
dall’alba chiara finché il giorno muore
ti amo ancora sai ti amo.
So tutto delle tue magie
e tu della mia intimità
sapevo delle tue bugie
tu delle mie tristi viltà.
So che hai avuto degli amanti
bisogna pur passare il tempo
bisogna pur che il corpo esulti
ma c’é voluto del talento
per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti.
Mio amore mio dolce mio meraviglioso amore
dall’alba chiara finché il giorno muore
ti amo ancora sai ti amo.
Il tempo passa e ci scoraggia
tormenti sulla nostra via
ma dimmi c’é peggior insidia
che amarsi con monotonia.
Adesso piangi molto dopo
io mi dispero con ritardo
non abbiamo più misteri
si lascia meno fare al caso
scendiamo a patti con la terra
però é la stessa dolce guerra.
Mon amour
mon doux, mon tendre, mon merveilleux amour
de l’aube claire jusqu’à la fin du jour
je t’aime encore, tu sais, je t’ame.

 

Non ho smesso di pensarti – Charles Bukowski

Non ho smesso di pensarti,
vorrei tanto dirtelo.
Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,
che mi manchi
e che ti penso.
Ma non ti cerco.
Non ti scrivo neppure ciao.
Non so come stai.
E mi manca saperlo.
Hai progetti?
Hai sorriso oggi?
Cos’hai sognato?
Esci?
Dove vai?
Hai dei sogni?
Hai mangiato?
Mi piacerebbe riuscire a cercarti.
Ma non ne ho la forza.
E neanche tu ne hai.
Ed allora restiamo ad aspettarci invano.
E pensiamoci.
E ricordami.
E ricordati che ti penso,
che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,
che scrivo di te.
E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.
Ed io ti penso
ma non ti cerco.

 

Hai mangiato?

charles-bukowski

Back to 1956

Nelle mie passeggiate del sabato riesco a scovare sempre delle piccole perle che la città che mi ospita in questo momento mi regala. Cracovia è una città bellissima, storicamente unica e ricchissima. Ieri, una mia cara collega mi ha mostrato alcune di queste perle.

Cukiernia è la prima parola imparata in polacco quasi un anno fa: ancor prima di ciao e buongiorno!

E’ l’equivalente della nostra pasticceria e se in Italia non le ho mai considerate o fotografate, in Polonia ho scoperto una passione…resto ancora una amante della Piekarnia (panificio) ma la cukiernia resta il posto caldo per le ‘dolci perdizioni’.

Quella di ieri era una autentica cukiernia degli anni ’50.